Come i codici a barre aiutano la logistica

Nella maggior parte dei casi, i magazzini utilizzano diversi tipi di codici a barre a seconda delle loro esigenze. Ad esempio, uno store può utilizzare un codice di spedizione per la numerazione delle scorte. I codici a barre sono di molti tipi diversi, ognuno con i propri pro e alcuni contro. Ecco come funzionano.

Standard GS1

Gli standard GS1 comprendono l’intera catena di fornitura di un prodotto, inclusa la creazione di codici a barre e di tag di identificazione a radiofrequenza (RFID). Definiscono le modalità di creazione e lettura dei codici, nonché l’hardware necessario per comunicare. I diversi tipi di codici possono essere utilizzati per memorizzare quantità diverse di informazioni, tra cui numeri, date di scadenza e altro ancora.

Codici a barre 2D

Grazie al loro crescente utilizzo nella gestione del magazzino, i codici a barre 2D stanno trasformando il modo di operare delle aziende. Questi codici sono molto vantaggiosi per le etichette di localizzazione verticale. Inoltre, possono contenere informazioni aggiuntive, come l’ID della posizione e stringhe di dati multifunzionali. Nei magazzini odierni, sempre più complessi, i codici a barre 2D forniscono informazioni privilegiate tempestive, altrimenti difficili da ottenere.

Codici a barre 1D

In alcuni settori, i codici a barre 1D possono essere letti solo da un’angolazione specifica – perpendicolare alla variazione orizzontale – mentre gli scanner di immagini 2D possono leggere sia i codici 1D che quelli bidimensionali da qualsiasi angolazione. Alcuni settori utilizzano i codici a barre in diverse applicazioni, tra cui le spedizioni e i servizi postali. Possono anche essere utilizzati in vari modi per gestire grandi volumi di inventario, compresi i prodotti e i sistemi di archiviazione.

Una piattaforma software centralizzata può scansionare un’ampia gamma di codici a barre 1D per tracciare le spedizioni, aumentare la visibilità dell’inventario e automatizzare l’evasione degli ordini. Questi codici sono costituiti da linee e spazi verticali di diverso spessore e si trovano su quasi tutti i prodotti, comprese le etichette di spedizione. I dati codificati si trovano spesso sopra il codice a barre, come l’UPC-E, una versione a sei cifre dell’UPC, e l’UPC-5.

I codici a barre monodimensionali (noti anche come codici lineari o 2D) sono utilizzati in diversi modi e memorizzano diverse quantità di dati. Il codice a barre contiene strisce bianche e nere e il laser legge la larghezza di ciascuna striscia per determinarne il valore. Uno scanner laser per codici a barre standard è in grado di leggere un codice entro pochi centimetri o metri, ma un modello a portata estesa può leggere fino a 30 metri.

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp